Il 16.03.2020 è stato l'ultimo giorno trascorso in ufficio, da allora lavoro da casa nel cosiddetto home office. Mia moglie ed io abbiamo un figlio, che ha compiuto 2 anni a gennaio. Per questo, prima ancora che ci venisse chiesto l’Home Office, abbiamo pensato a come sarebbe stato quando tutti saremmo stati a casa. Ci siamo chiesti se nostro figlio sarebbe stato in grado di accettare la situazione che il papà non ha tempo di giocare anche quando è a casa?

Nei primi giorni a casa in modalità Home Office non è stato tutto sempre facile. Perché papà non può giocare con me? Dove sta andando ora? E perché non posso venire? Sfide e domande che devono essere affrontate. Per fortuna ho una moglie meravigliosa che ha aiutato me, e ha insegnato a nostro figlio a capire la situazione. Nel frattempo, anche lui si è abituato, e abbiamo anche trovato nuovi rituali. Così ora lo saluto sempre prima di andare nella nostra stanza degli hobby nel seminterrato, dove si trova il nostro ufficio. Oltre a salutare, mio figlio ora commenta ogni volta che mi presento di nuovo, anche se solo per un caffè. Il suo "Oh Papi" porta sempre un sorriso a me e a mia moglie. Un altro bel rituale che abbiamo introdotto è che ora mio figlio viene nella mia stanza degli hobby dopo il suo pisolino per un breve saluto. Poi può sedersi sulle mie ginocchia per un momento e guardarmi mentre lavoro. 

In conclusione, posso dire che nostro figlio ha preso molto bene il fatto che ora sono sempre lì, ma non sempre ho tempo per lui.

Autore: Thomas Cattaruzza
Reparto: Product Management
Data: 14.04.2020

TC_1_verkleinert